,,

Il genero di Trump chiese un canale segreto di comunicazione con la Russia

Lo sostiene Washington Post, richiesta avanzata ad ambasciatore

New York, 27 mag. (askanews) – Creare un canale segreto di comunicazione con il Cremlino. E’ questa la richiesta che a inizio dicembre Jared Kushner, genero e consigliere del presidente americano Donald Trump, avanzò all’ambasciatore russo a Washington: lo sostiene il Washington Post, che cita responsabili americani.

L’ambasciatore russo Sergei Kislyak ha riportato ai suoi superiori che Jared Kushner, marito di Ivanka Trump e divenuto in seguito consigliere per gli affari esteri del presidente, aveva formulato questa richiesta suggerendo di utilizzare edifici diplomatici russi. E’ quanto emergerebbe, sostiene il Washington Post, dalle intercettazioni delle comunicazioni russe visionate da questi responsabili.

La proposta di Kushner sarebbe arrivata durante un incontro con l’ambasciatore, l’1 o il 2 dicembre alla Trump Tower di New York.

A questo incontro avrebbe preso parte Michael Flynn, ex consigliere alla sicurezza nazionale di Trump spinto alle dimissioni a febbraio per aver mentito sui contatti con Kislyak.

L’Fbi, che indaga da luglio su un eventuale “coordinamento” tra lo staff di Trump e Mosca, sta riesaminando questo incontro ma anche un altro di Kushner con un banchiere russo, Sergei Gorkov.

Quest’ultimo è il presidente della banca russa Vnesheconombank, presa di mira dal 2014 dalle sanzioni degli Stati Uniti per il conflitto in Ucraina. La pressione è in costante crescita sulla Casa Bianca, invischiata nella vicenda delle ingerenze russe nelle presidenziali americane dello scorso anno. I media americani avevano riportato ieri che il genero di Trump è interessato dall’inchiesta dell’Fbi ma non è un sospettato. Anche l’ex direttore della polizia federale, James Comey, “silurato”dal presidente, deve testimoniare davanti al Congresso.

ASKANEWS | 27-05-2017 08:12

20170527_081207_F72FC5C5.jpg

TAG:

,,,,,,,