,,

Il blog di Grillo rilancia la battaglia per smentire che il M5S è anti-vaccini

Lungo video dell'immunologo Silvestri

Roma, 4 mag. (askanews) – “Vaccini, il principio della raccomandazione per aumentare la copertura”. Il blog Beppegrillo.it rilancia la battaglia per smentire la tesi secondo la quale il Movimento 5 stelle sarebbe schierato con il cosiddetto fronte antivaccinista, attraverso un lungo post e un video di Guido Silvestri, che si presenta così: “Sono un medico specialista in Immunologia Clinica, Medicina Interna, ed Anatomia Patologica. Sono anche un ricercatore che si occupa di immunologia, virologia, e microbiologia da oltre 25 anni. Dal 2010 sono professore ordinario e vice-direttore del Dipartimento di Anatomia Patologica alla Emory University di Atlanta, Usa, e direttore della Divisione di Microbiologia ed Immunologia allo Yerkes Primate Center, sempre della Emory University. Sono autore di 220 lavori scientifici, che sono stati citati circa 17,000 volte, e su 89 di questi lavori una delle parole chiavi è ‘vaccini'”.

“Stabilito con la massima chiarezza l’obiettivo di assicurare nella popolazione la copertura più alta possibile per quei vaccini la cui efficacia e sicurezza sono state dimostrate scientificamente, la discussione è su come meglio raggiungere questo scopo”, spiega il professor Silvestri che fra le altre cose sottolinea come “alcuni paesi a più alta copertura vaccinale, come la Svezia, non prevedono alcun obbligo”.

“Da un punto di vista culturale e di comunicazione, bisogna specificare con estrema chiarezza – dice – che l’approccio basato sul principio della raccomandazione non è, né può essere in alcun modo percepito come un atteggiamento dubbioso o agnostico della legge nei confronti dell’utilità dei vaccini – atteggiamento, che, come già detto prima non ha alcuna ragione scientifica di essere. Al contrario, l’approccio alle vaccinazioni basato sul principio della raccomandazione va inteso come strumento sociale e sanitario per arrivare alla copertura vaccinale più alta possibile e per il periodo di tempo più lungo possibile attraverso il coinvolgimento consapevole ed informato della popolazione”.

In un post pubblicato nella serata di ieri su Facebook, lo stesso Silvestri aveva fatto notare come a suo giudizio “ci sono quelli il cui scopo più o meno confessato è sfruttare l’anti-vaccinismo che si era colpevolmente annidato dentro M5S (e questa colpa bisogna ammetterla, sempre ‘senza se e senza ma’) come una ‘debolezza politica’ per poter colpire il movimento. In questa ottica diventa importante ignorare se non addirittura screditare il nostro lavoro, magari spargendo calunnie (come è stato fatto in alcuni articoli apparsi sul web), e soprattutto evidenziare, attraverso un risalto mediatico sproporzionato, le anime più biecamente anti-scientifiche ed anti-vaccini che, benché minoritarie, purtroppo esistono dentro M5S”. Insomma, “ci sono tanti spunti per criticare, magari anche duramente, le scelte politiche di M5S. Sarebbe importante però che lo si facesse in modo scientifico, cioè basandosi sulla verità e completezza dei fatti (e delle posizioni). E’ triste osservare che a volte queste critiche sembrano emergere da quella nebbia di verità distorte e/o incomplete che, ironicamente, è tipica proprio del modus operandi degli anti-vaccinisti”.

ASKANEWS | 04-05-2017 11:07

20170504_110733_06D9FCB2.jpg

TAG:

,,,,,,,