,,

Filippine, 19 civili uccisi nei combattimenti nel sud

Il bilancio in una settimana sale ad almeno 85 morti

Manila, 28 mag. (askanews) – I fondamentalisti islamici che si ispirano all’Isis e che combattono le forze di sicurezza nel sud delle Filippine hanno ucciso diciannove civili. Lo ha annunciato l’esercito: sale così ad almeno 85 morti il bilancio degli scontri in circa una settimana.

Queste violenze hanno persuaso il presidente filippino Rodrigo Duterte a decretare la legge marziale a Mindanao, la seconda più grande isola dell’arcipelago. Le autorità hanno annunciato che gli attivisti islamisti hanno ucciso diciannove civili a Marawi, città a maggioranza musulmana di circa 200mila abitanti nel nordovest di Mindanao. Tra loro, tre donne e un bambino ritrovati morti in un’università. “Ci sono dei civili, delle donne. Questi terroristi sono contro il popolo. Abbiamo scoperto i corpi effettuando un’operazione di ricerca” ieri, ha dichiarato il colonnello Jo-ar Herrera, portavoce regionale dell’esercito.

(fonte AFP) Fco MAZ

ASKANEWS | 28-05-2017 12:13

20170528_121304_9E353792.jpg

TAG:

,,,,,,,