,,

Convenzione Pd senza Emiliano, no di Guerini al rinvio delle primarie

Orlando è d'accordo. Boccia: sarebbe umano ma non lo chiediamo

Roma, 9 apr. (askanews) – Si apre a Roma all’hotel Ergife la convenzione del Pd che formalmente avvia la sfida fra Matteo Renzi, Andrea Orlando e Michele Emiliani che, tramite i gazebo delle primarie del 30 aprile e l’assemblea nazionale del 7 maggio, incoronerà il nuovo segretario del Pd. All’assemblea partecipa il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Emiliano, operato al tallone d’Achille dopo l’incidente dei giorni scorsi, si collegherà dall’ospedale di Foggia.

Il presidente Pd della commissione Bilancio Francesco Boccia, fra i promotori della sua mozione, all’arrivo all’Ergife ha sottolineato che il paventato rinvio delle primarie a causa dello stop forzato alla campagna elettorale di Emiliano non è “una richiesta” ma un auspicabile “sussulto di umanità” da parte degli altri due candidati alle primarie.

Il Guardasigilli Andrea Orlando, al suo arrivo alla convenzione, ha raccolto dichiarandosi “asolutamente d’accordo” su un rinvio “assolutamemte sensato”.

Porta chiusa allo slittamento della data delle primarie, invece, dal vicesegretario renziano uscente Lorenzo Guerini: la macchina “è già in moto”, ha tagliato corto rinnovando gli auguri di pronta guarigione a Emiliano.

ASKANEWS | 09-04-2017 12:08

20170409_120834_27000EB1.jpg

TAG:

,,,,,,,