,,

Condannato a 30 anni per l'omicidio dell'uomo che ha ucciso sua moglie

Considerate le attenuanti generiche

Chieti, 24 mar. (askanews) – E’ stato condannato a 30 anni di carcere Fabio Di Lello, il fornaio vastese che per vendetta, lo scorso primo febbraio, davanti a un bar di Vasto aveva ucciso Italo D’Elisa, il 22enne che lo scorso anno investì sua moglie causandone la morte. I giudici del processo di Assise a Lanciano (Chieti) hanno considerato le attenuanti generiche dopo che la procura, rappresentatata dal pm Giampiero Di Florio e dal sostituto Gabriella De Lucia aveva chiesto l’ergastolo, nonostante il rito abbreviato.

L’imputato esplose tre colpi contro D’Elisa per vendicare l’investimento mortale della moglie, Roberta Smargiassi. I legali di Fabio Di Lello, Giovanni Cerella e Pierpaolo Andreoni, avevano chiesto il rito abbreviato condizionato a perizia psichiatrica e all’esclusione della premeditazione del delitto, sostenendo la tesi seconda la quale il Di Lello avrebbe acquistato l’arma del delitto sei mesi prima per usarla contro sé stesso.

ASKANEWS | 24-03-2017 14:41

20170324_144140_C48EAD86.jpg
,,,,,,,