,,

Ancora tensioni nella banlieue di Parigi ma l'appello di Théo funziona

Dopo disordini per le violenze al giovane, calma a Aulnay-sous-Bois

Parigi, 8 feb. (askanews) – Prima notte “complessivamente” calma a Aulnay-sous-Bois dopo i disordini scatenati dalle notizie di violenze su un giovane di 22 anni, Théo, pestato e – secondo le accuse – violentato da un gruppo di poliziotti. Ieri il ragazzo, dal suo letto di ospedale e con il presidente francese Francois Hollande al suo fianco, ha esortato a “non fare la guerra” e i coetanei del sobborgo nel Nord di Parigi e l’appello sembra aver funzionato dopo tre notti che hanno fatto temere una nuova ondata di violenze nelle periferie parigine. Ma gli incidenti si sono ‘spostati’ in altre località della banlieue, e nelle municipalità di Seine-Saint-Denis ci sono stati 17 arresti, hanno riferito stamattina fonti della polizia.

A Tremblay-en-France una decina di persone, compresi diversi bambini, sono stati intossicati da monossido di carbonio sprigionato dal lancio di un cocktail Molotov all’interno di un edificio: il quadro della vicenda non è chiaro, ma nessuno sarebbe in pericolo di vita.

Nella stessa località ci sono stati “atti di degrado” ai danni del commissariato locale, mentre nei pressi di Clichy”(sous-Bois) il conducente di un autobus è stato leggermente ferito da “un oggetto incendiario”.

(fonte afp)

ASKANEWS | 08-02-2017 09:40

20170208_093950_94DB0326.jpg

TAG:

,,,,,,,