,,

Alpinisti spagnoli bloccati: potrebbero pagare un conto salato

Avevano rifiutato per due volte il soccorso in elicottero, accettando solo in seguito il salvataggio. Potrebbero pagare i costi delle operazioni

La coppia di alpinisti di Barcellona recuperata dal Soccorso Alpino sulle Tre Cime di Lavaredo a 2.750 metri, dopo aver rifiutato due interventi di salvataggio, potrebbe pagare una fattura molto salata. Come precisa il Corriere della Sera, se un rocciatore bloccato decide di chiamare l’elicottero per via di abbigliamento o attrezzatura non adeguati all’escursione, è tenuto a pagare il costo delle operazioni.

Le linee guida sono dettate dalla delibera della Regione Veneto 1.411 del 6 settembre 2011. Gli interventi Sar, in cui vengono utilizzate squadre a terra del personale Suem e Cnsas, sono gratuiti se l’utente soccorso è affetto da patologie. Nel caso la persona recuperata risulti illesa, la prestazione è a suo carico: 200 euro di diritto di chiamata per ogni squadra e 50 euro per ogni ora di operazioni oltre la prima, fino a un massimo di 1.500 euro complessivi.

Le tariffe salgono in caso di intervento aereo, gratuito solo in presenza di patologie accertate. L’escursionista illeso è in questo caso tenuto a pagare 90 euro per ogni minuto di volo, fino a un massimo di 7.500 euro. Le tariffe riguardano però i soli residenti in Veneto. Nel caso di cittadini stranieri, l’elisoccorso costa invece 120 euro al minuto. Senza limiti tariffari. La coppia spagnola rimasta bloccata sulle Dolomiti potrebbe ricevere un conto dalla cifra esorbitante, considerando i tre interventi aerei per il recupero.

VIRGILIO NOTIZIE | 03-09-2019 11:33

montagna-alpinisti-bloccati Fonte foto: Facebook
,,,,,,,