,,

La 12enne insultata perché vuole tornare a scuola: bufera social

Pioggia di insulti per la ragazzina che ha espresso il desiderio di tornare a scuola. Molte offese da parte di insegnanti

“Preferisco la classe alle vacanze, abbiamo perso troppo tempo“: sono queste le parole di una studentessa di una scuola media, riportate da un sito specializzato di informazione scolastica sui social, che hanno sollevato una pioggia di insulti nei confronti della ragazzina.

La 12enne, che per settimane ha manifestato davanti alla sua scuola chiedendo di poter tornare a fare lezione in presenza, è stata così bersagliata da decine di utenti che hanno commentato sotto al post. Parole che l’ex ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha riportato in un post sul suo profilo Facebook.

Fatti curare, mandiamola a pulire i bagni, disagio, assistenti sociali, malattia mentale”, scrive l’ex ministra, citando i commenti dopo che la mamma della ragazzina le aveva scritto una lettera per denunciare la gravità dell’episodio, una lettera che l’ha “turbata profondamente”.

La cosa che appare più grave è che la maggior parte di questi insulti, come sottolinea Azzolina, proviene da docenti. Persone che dovrebbero apprezzare e alimentare il desiderio di una ragazzina di tornare tra i banchi di scuola. “La scuola è IL luogo in cui seminare i valori del rispetto e della tolleranza – ha scritto l’ex ministra – ho sempre difeso la categoria e lo faccio anche stavolta. A patto però che la maggioranza sana non sia anche maggioranza silenziosa. Messaggi come questi vanno rifiutati sempre. E condannati“.

“Mia figlia è stata spesso attaccata per via del Covid, dato che protestava in pieno lockdown. Ma questa volta è diverso: è scandaloso che a criticarla così siano degli insegnanti per una semplice opinione su due settimane in più a scuola”, ha detto la mamma della ragazzina, come riportato dal Corriere della Sera.

VirgilioNotizie | 25-02-2021 15:23

Maya non si ferma: la tenace protesta e l'appello per la scuola Fonte foto: ANSA
Maya non si ferma: la tenace protesta e l'appello per la scuola
,,,,,,,