"Se è vegan non può chiamarsi latte" (lo dice la Corte Ue)

Coldiretti esulta: la dicitura inganna i consumatori

Roma, 14 giu. (askanews) – La corte Ue dice stop all’uso della parola latte vegan. Inganna i consumatori e fa chiudere le stalle la confusione generata dalla dicitura latte per bevande vegetali, come quello di soia, che hanno raggiunto in Italia un valore al consumo di 198 milioni di euro con un incremento del 7,4% nell’ultimo anno. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare positivamente il pronunciamento della Corte di Giustizia europea sul fatto che “i prodotti puramente vegetali non possono, in linea di principio, essere commercializzati con denominazioni, come ‘latte’, ‘crema di latte’ o ‘panna’, ‘burro’, ‘formaggio’ e ‘yogurt’, che il diritto dell’Unione riserva ai prodotti di origine animale” anche se “tali denominazioni siano completate da indicazioni esplicative o descrittive che indicano l’origine vegetale del prodotto in questione”.

I prodotti vegetariani e vegani – sottolinea la Coldiretti – non possono pertanto essere chiamati con nomi di alimenti di origine animale, in particolare latticini, ponendo fine ad un inganno che riguarda il 7,6% di italiani che segue questo tipo di dieta. Si riconosce dunque – sottolinea la Coldiretti – il valore delle norme europee che impediscono di chiamare latte ciò che non è di origine animale tranne specifiche eccezioni. Quello che oggi chiamiamo “latte di soia” è una bevanda molto antica, nata probabilmente in Cina, che si ottiene dalla macinazione dei semi di soia in acqua con proprietà nutrizionali e organolettiche – continua la Coldiretti – completamente differenti dal latte di origine animale. Un discorso che – precisa la Coldiretti – si estende anche ai derivati come burro, yogurt, formaggi e panna che non possono essere ottenuti con prodotti vegetali.

ASKANEWS | 14-06-2017 10:31

TAG: