IN VIRGILIO

Decadenza, voto palese. Alfano: "Ora battaglia in parlamento"

L'ex premier "chiede aiuto" a Letta. Ma Palazzo Chigi: nessun margine di intervento

 

La giunta per il regolamento del Senato dice sì al voto palese sulla decadenza di Silvio Berlusconi da parlamentare. Linda Lanzillotta (Sc) ha confermato il suo sì allo scrutinio palese e pertanto la decisione dovrebbe andare in questo senso. La notizia però irrita il Cavaliere che salta il pranzo in programma con i ministri.

Sono stati sette i voti a favore del voto palese, sei i contrari. Per il voto segreto si e' espresso, viene riferito, anche Karl Zeller. A favore del voto palese la vicepresidente del Senato e rappresentante di Scelta Civica nella giunta del regolamento Linda Lanzillotta. A questo punto, risolte le questioni preliminari, non e' da escludere che una prossima conferenza dei capigruppo possa anche calendarizzare la questione della decadenza da senatore di Silvio Berlusconi per le prossime settimane

Il Cavaliere, riferiscono fonti parlamentari del Pdl, avrebbe deciso di evitare di vedere a pranzo i ministri del suo partito. L'appuntamento era in programma da giorni, con al centro il confronto sulla legge di stabilita'. Ma la colazione di lavoro, confermata anche ieri da Berlusconi ad Alfano, non si terra'. "Il fatto e' che Berlusconi non ha piu' nulla da dire ai governativi", trapelada buone fonti. Riprendono in pieno le tensioni interne al centrodestra, anche perche' gli innovatori continuano a raccogliere le adesioni per il prossimo Consiglio nazionale.

"Abbiamo - dice una colomba - quasi la meta' del partito". Di tutt'altra opinione i lealisti: "Abbiamo noi i numeri. Siamo tutti con Berlusconi, ora e' tempo che si schierino anche i ministri del Pdl". I lealisti in realta' non sono contrari al voto palese: "Cosi' - hanno spiegato a Berlusconi - sara' chiaro chi si schiera con te e chi contro di te". Insomma, sara' decisamente una conta nella conta, quella che si terra' nelle prime settimane di novembre. A decidere il giorno esatto sara' la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama. Luigi Zanda, presidente del gruppo del Pd, gia' si sbilancia: sara' una data "prossima. Abbiamo fatto passare gia' molto tempo". Passa la sabbia attraverso la clessidra e la politica si prepara all'ennesimo passaggio decisivo. Lo sa bene anche il premier Enrico Letta, che non a caso invita a tenere disgiunta la questione dalla tenuta del su governo

(Affaritaliani.it)

Pubblicato il 30/10/13 da Affaritaliani.it in Politica| TAGS: berlusconi, decadenza, scrutinio segreto

CERCA IN NOTIZIE

Virgilio Notizie su Facebook