IN VIRGILIO

fascione

Amministrative in Sardegna e Sicilia, crolla l'affluenza

In Sardegna tre provincie su tre conquistate dal centrosinistra. Forte astensionismo nelle due isole

Tre province su tre conquistate dal centrosinistra al ballottaggio in Sardegna, che fissano in 6 a 2 il risultato finale per la coalizione. Graziano Milia e Roberto Deriu, entrambi del centrosinistra, si sono riconfermati presidenti rispettivamente delle province di Cagliari e Nuoro in una tornata elettorale caratterizzata da un forte astensionismo.

Alle 15 nella provincia di Cagliari aveva votato il  25,58 per cento degli aventi diritto (erano stati il 52,45 al primo turno). Migliore la situazione a Nuoro,
dove sono andati alle urne il 40,95 per cento degli elettori contro il 65,10 per cento di due settimane fa. Clamorosa la rimonta di Graziano Milia, che ha battuto il candidato della coalizione di centro destra Giuseppe Farris che al primo turno aveva lasciato indietro di 13 punti percentuale il rivale.

Il candidato del centrosinistra per la poltrona di presidente della Provincia di Cagliari ha ottenuto il 52,42 per cento dei consensi (61.785 voti) contro il 47,57 per cento del rivale.

Il centrosinistra si riconferma anche in provincia di Nuoro: il presidente uscente Roberto Deriu ha sconfitto Luigi Crisponi, candidato del centro-destra con il 51,5 per cento dei consensi contro il 48,5 di Crisponi.

In Ogliastra, dopo un lungo testa a testa, Bruno Pilia, sostenuto dal centrosinistra, con il 51,41 per cento delle dei voti ha avuto la meglio su Sandro Rubiu, del centro-destra che si è fermato al 48,58 per cento.

Sul fronte delle comunali, ad Iglesias Pierluigi Carta del centro-sinistra, si è riconfermato sindaco con il 50,93 per cento delle preferenze contro il 49.06 dello sfidante Paolo Fogu sostenuto dal centro-destra. Centrosinistra vincente anche a Nuoro, dove l'ha spuntata Alessandro Bianchi (55,28 per cento)
che ha sconfitto Paolo Manca che si è fermato al 44,71 per cento.

A Porto Torres il nuovo sindaco è Luigi Beniamino Scarpa alla testa di una coalizione di centro-sinistra che ha battuto il sindaco uscente Luciano Mura, sostenuto, tra l'altro, anche dal Pd, con il 54,33 per cento delle preferenze.

Affluenza in calo del 20,76% in Sicilia nei cinque comuni (Enna, Gela, Carini, Milazzo e Misilmeri) per il ballotaggio amministrativo per il rinnovo dei sindaci e dei Consigli comunali. Alla chiusura dei seggi, alle 15, risulta aver votato il 50,76% degli 88.074 elettori aventi diritto, con il 71,52% di affluenza al primo turno. Il calo generale si era registrato anche al primo turno. A Enna il ballottaggio era tra il candidato del Pd Paolo Garofalo e quello sostenuto da Pdl e Mpa Angelo Moceri.