IN VIRGILIO

Mafia, 18 arresti. I boss votavano il sindaco siciliano della Lega

I carabinieri hanno arrestato 18 persone nell'ambito dell'operazione "Argo". Tra i fermati ci sono i capi delle famiglie mafiose di Villabate, Ficarazzi e Altavilla Milicia

Il mandamento mafioso di Bagheria e' stato azzerato dai carabinieri del Comando provinciale di Palermo e del Ros, che hanno eseguito nell'operazione "Argo" una trentina di provvedimenti restrittivi nei confronti di altrettante persone accusate, a vario titolo, di associazione mafiosa, scambio elettorale politico mafioso, traffico internazionale di stupefacenti, estorsioni, rapine, detenzione di armi da fuoco.

Oltre al reggente, al cassiere e a esponenti di spicco del mandamento mafioso di Bagheria, storica roccaforte di Cosa Nostra, tra gli arrestati ci sono i capi delle famiglie mafiose di Villabate, Ficarazzi e Altavilla Milicia. Sequestrati, inoltre, beni per circa 30 milioni di euro. Le indagini sono state coordinate dal procuratore aggiunto della Dda Leonardo Agueci e dai sostituti Francesca Mazzocco e Caterina Malagoli. Arrestate dai carabinieri del Comando provinciale di Siracusa diciotto persone ritenute a vario titolo affiliati o fiancheggiatori del clan mafioso Linguanti di Cassibile.

Le ordinanze di custodia cautelare in carcere, eseguite nell'operazione "Knock out", sono state emesse dal Gip di Catania su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. Le indagini sono state coordinate dal procuratore aggiunto di Catania, Amedeo Bertone. Un patto tra alcuni mafiosi di Bagheria e un candidato alle scorse elezioni amministrative regionali, con la promessa di voti in cambio di danaro, e' emerso nelle indagini dei carabinieri che la scorsa notte hanno portato all'operazione "Argo" che ha colpito con una trentina di arresti il mandamento bagherese.

Le indagini hanno dunque confermato la persistente capacita' di Cosa Nostra di condizionare le dinamiche politico-elettorali locali. Come in molte altre inchieste, anche in questa si profilano interventi mafiosi su istituzioni, pubblica amministrazione ed imprenditoria, per trarre profitti e vantaggi illeciti e per riciclare i profitti in remunerativi investimenti intestati a prestanome compiacenti. A questi e' stato sequestrato un patrimonio costituito da beni mobili, immobili e complessi aziendali compresi locali notturni tra i piu' frequentati di Palermo, agenzie di scommesse, imprese edili, supermercati, per un valore complessivo di circa trenta milioni di euro. Un patto tra clan siciliani e canadesi per il traffico di droga si profila sullo sfondo dell'operazione "Argo" eseguita dai carabinieri di Palermo contro il mandamento mafioso di Bagheria. Dalle indagini, con la collaborazione delle Giubbe Rosse della Royal Canadian Mounted Police, si e' riscontra tata l'esistenza di un raccordo operativo nel settore della droga tra Cosa Nostra bagherese e la famiglia mafiosa italo-canadese dei Rizzuto. E' stata, in quest'ambito, documentata anche una certa situazione di instabilita' interna delle organizzazioni criminali in Canada, una conflittualita' sfociata negli ultimi anni in numerosi omicidi.

Il mandamento mafioso di Bagheria, disarticolato la scorsa notte dai carabinieri con l'operazione "Argo", era ancora organizzato secondo il tradizionale assetto verticistico proprio della mafia piu' antica, della quale perpetuava gli arcaici rituali di affiliazione: la "punciuta" e la "presentazione" dei nuovi membri ai mafiosi piu' anziani. In un'intercettazione ambientale, un uomo d'onore paragona le nuove leve a giovani cavalli da trotto, da addestrare - se necessario - anche ricorrendo alle maniere forti: "Quando vedi che nella salita fanno le bizze...piglia e colpisci con il frustino....sulle gambe...che loro il trotto non lo interrompono...purtroppo i cavalli giovani cosi' sono", dice il mafioso. Ma a parte il tradizionalismo piu' folkloristico, il clan era pronto a mutare gli assetti organizzativi per adeguarsi alle nuove esigenze: e' stato infatti riscontrato dagli investigatori il passaggio della famiglia mafiosa di Villabate dal mandamento di Misilmeri a quello di Bagheria. L'imposizione del "pizzo" resta la manifestazione piu' visibile dell'autorita' dei boss sul territorio, ma anche a causa della crisi economica le estorsioni con costituiscono piu' una sufficiente fonte di guadagno, e i mafiosi cercano di integrare con altri attivita' criminali, come la gestione del gioco d'azzardo

(Affaritaliani.it)

Pubblicato il 08/05/13 da Affaritaliani.it in Cronaca| TAGS: palermo, argo, polizia
carabinieri ros ap 367 3 Fonte: AP
leggi l'articolo 

polizia 367 APArrestato il sindaco di Battipaglia. Pm: "Gli appalti ai Casalesi"

Il sindaco di Battipaglia (Salerno), Giovanni Santomauro, è agli arresti domiciliari per appalti banditi dal Comune e ottenuti da ditte legate al clan camorristico dei Casalesi


CERCA IN NOTIZIE

Virgilio Notizie su Facebook