IN VIRGILIO

Nel Mediterraneo è allarme meduse

In arrivo tre nuove specie di meduse. Cosa fare o evitare in caso di ustioni

Pubblicato il 11/06/10 in Cronaca|TAG: estate, meduse, mare, punture

meduse mediterraneo
Le nuove specie di meduse in arrivo nel Mediterraneo FOTO

Approfondimento  

serpente 110

Rischi d'estate

Annegamenti, fulmini, serpenti, insetti: come proteggersi

su dailymotion.virgilio.it

MEDUSA Vota e commenta questo video
Vota e commenta questo video

Nel Mediterraneo è di nuovo allarme meduse. Enormi sciami sono stati avvistati nei mari Ligure e Tirreno dove hanno colorato di blu le spiagge e soprattutto la Laguna di Orbetello. L'allarme lo lancia la campagna "Occhio alla medusa", un progetto del Ciesm che chiede l'aiuto dei cittadini con segnalazioni e foto. 

Perchè le meduse aumentino non è ancora chiaro e non si hanno dati certi, ma tra le cause ci sono inquinamento, pesca selvaggia e riscaldamento globale che favorisce l'arrivo di quelle tropicali. Ecco allora tre nuove specie da scovare: la bellissima e non urticante Phyllorhiza punctata che viene dal Canale di Suez, la Drymonema dalmatinum, con un diametro anche di un metro, la Mnemiopsis leidyila, che vive sul fondo del mare con i tentacoli verso l'alto.

Poche, ma utili “regole d’oro” in caso di contatto con le meduse
- Non strofinare bocca e occhi
- Non lavare con acqua dolce la parte colpita: usare acqua di mare e disinfettare con bicarbonato; non usare acqua fredda o ghiaccio
- Non grattare la zona ustionata (si accelera la sostanza tossica)
Evitare impacchi con aceto o ammoniaca: è un "rimedio della nonna" del tutto inutile; anche l’uso di alcool è sconsigliato
- Non rimuovere i frammenti dei tentacoli della medusa con pinzette, ma con le mani
- Il rimedio migliore è un gel astringente al cloruro d'alluminio, utile anche per le punture di zanzara. Evitare pomate cortisoniche o antistaminiche

CERCA IN NOTIZIE